Mg12

Marketing reputation

Mental agility

Management

Monitoring

Motivation

Movement

Manpower

Machines

Materials

Morale

Money

Mores

 

 

11/03/2013

« torna indietro

 

La BMW torna al magnesio!


La grande casa tedesca è sempre stata una grande protagonista nel settore motoristico, che la ha vista attiva non solo a livello motociclistico e automobilistico ma anche in campo aeronautico. Già negli anni Venti l’azienda bavarese era una delle più importanti costruttrici di motori d’aviazione del mondo. E già impiegava le leghe di magnesio (allora note genericamente come “elektron”) per parti come i coperchi delle teste, i carter della distribuzione e, nel caso dei motori destinati a aerei leggeri, perfino i basamenti (tipo X del 1928 e tipo XI del 1931, rispettivamente a cinque e a nove cilindri). In seguito il magnesio è stato utilizzato dalla casa bavarese per realizzare i carter dei compressori e dei riduttori.

 

Una ricaduta di questa tecnologia, logicamente evolutasi nel frattempo, si è avuta negli anni Cinquanta con la moto da competizione RS 500, il cui basamento era appunto in una lega di tale metallo.

 

Sulle auto di serie alla BMW il magnesio è arrivato successivamente, trovando applicazioni di particolare interesse. Oltre che per i volanti, ai quali questo materiale consente di impartire una elevata leggerezza abbinata a una ottima capacità di assorbire eventuali urti deformandosi plasticamente, viene utilizzato per parti come telai ausiliari e traverse.

 

Di straordinario significato sotto l’aspetto tecnologico è stata la realizzazione, con regolare messa in produzione di serie, nel 2006, di un basamento per motori a sei cilindri in linea a ciclo Otto con parte interna (canne dei cilindri e cartelle dei supporti di banco) in lega di alluminio ad elevato tenore di silicio e parte esterna nella lega AJ 62 A (Mg Al6 Sr2) di recente sviluppo. Durante il processo di produzione la lega di magnesio fusa viene immessa sotto pressione nello stampo di acciaio (nel quale contemporaneamente viene fatto un vuoto parziale), ove è già collocata la parte interna in lega di alluminio. Il risultato è un basamento notevolmente più leggero, cosa di notevole importanza per quanto riguarda la riduzione dei consumi e delle emissione di CO2.

 

Le ricerche e le sperimentazioni tese a un sempre più ampio impiego delle leghe di magnesio da parte della BMW continuano con grande intensità…