Mg12

Mg è il simbolo del Magnesio, largamente diffuso in natura da cui si ricava uno dei metalli strutturali più leggeri in natura. Per certi aspetti un metallo magico, il metallo del futuro prossimo perchè riciclabile al 100% e dalle caratteristiche chimico fisiche eccezionali...

 

 

Home » Storia del Magnesio » Cos’è il Magnesio

12/04/2013

« torna indietro

 

Cos’è il Magnesio

Il magnesio è un metallo alcalino terroso, numero atomico 12, peso atomico 24.312, punto di fusione 651°, ebollizione 1107 PT. E’ l’ottavo elemento più abbondante in natura: il 2% dela crosta terrestre ne è composta, è il 3% degli elementi disciolti nell’acqua di mare. E’ il più leggero dei metalli strutturali: un quarto del peso dell’acciaio, un terzo più leggero dell’alluminio.

Questo elemento è stato scoperto dal fisico scozzese Joseph Black  (1728-1799) nella metà del ‘700, scoperto assieme al calore latente durante esperimenti sul vapore assieme a James Watt. Ma solo nel 1808 è stato isolato dall’inglese Davy, e dal 1852 Bunsen riusciva a dimostrare che il metallo magnesio poteva essere isolato per elettrolisi di cloruro di magnesio anidro fuso, con magnesio al catodo e cloro all’anodo della cella.

Le possibilità commerciali delle produzione col metodo elettrolitico sono state sfruttate dal 1909 dalla società tedesca Chemische Fabrik Griesheim Elektron. A partire dal 1920 il processo elettrolitico era stato elaborato in scala industriale e da quella data il metallo è diventato disponibile in quantità commerciali.

Oggi il magnesio viene utilizzato in una vasta gamma di mercati e di applicazioni sfruttando le sue eccezionali proprietà fisiche e meccaniche uniche dell’elemento e delle sue leghe.

La produzione mondiale di magnesio si aggira oggi sulle 400 mila tonnellate annue e questa cifra sta aumentando vorticosamente essendo la maggior parte delle sue leghe impiegate nel settore auto motive sempre attendo a diminuire i pesi, ad aumentare le prestazioni e l’efficienza.

Per fortuna per questa crescente domanda di magnesio non c’è potenzialmente alcun limite perché questo elemento, come abbiamo detto, è molto comune in natura. Tra l’altro questo metallo è completamente riciclabile e le leghe ottenute in questo caso presentano le stesse caratteristiche chimico-fisiche. Tra l’altro per il riciclaggio è richiesto solo il 5% dell’energia necessaria per produrre il prodotto primario.